Attenti a quei due - 13 Aprile 2022

Sansonetti: “Il Papa chiede la pace ma loro invocano la guerra”

Il Papa continua a gridare ‘pace’, venerdì parlerà alla via Crucis. Lui ha provato a fare la via Crucis provando a portare una famiglia di ucraini e una di russi ma non c’è stato niente da fare, l’ambasciata ucraina si è messa di traverso.

Ha scritto un libro, ho letto l’introduzione, molto forte, ricorda anche tutte le guerre del passato. Ricorda le aggressioni americane o della Nato. E continua a ripetere ‘pace’ ma non gli rispondono, non vogliono rispondergli.

La sensazione è che soprattutto negli ultimi giorni ci siano pressioni molto forti anche su Zelensky perché non si vada alla pace. E’ evidente che le condizioni ci sono, la Russia si sa cosa vuole: il Donbass. Zelensky in precedenza si era detto disponibile a darglielo e adesso sta subendo delle pressioni fortissime perché gli americani ora la pace non la vogliono.

Non cambia il fatto che l’aggressione è stata russa perché ogni volta mi dicono di distinguere tra aggressore e aggredito, certo che distinguo, l’aggressione è stata russa, la responsabilità di questa guerra è di Putin però ora bisogna finirla la guerra e la responsabilità è di tanti se non finisce la guerra.

E forse in questo momento la responsabilità maggiore, il motivo per cui non finisce la guerra è che gli americani non la vogliono finire.

Di Piero Sansonetti

Abbonamenti

Sfoglia, scarica e leggi l'edizione digitale del quotidiano(PDF) su PC, tablet o smartphone.

ABBONATI SUBITO