Hoara s'è destra - 17 Novembre 2022

Bufera Gemmato, Borselli: “Cari Letta&Co., quando Draghi disse ‘i vaccinati non contagiano’ nessuno gli chiese di dimettersi”

“Alle mie spalle il sottosegretario alla salute Marcello Gemmato, investito fa una grandissima polemica rispetto a una dichiarazione che ha fatto. Intervistato da Aldo Cazzullo, che aveva dichiarato che senza i vaccini ci sarebbero stati più morti per il Covid, Gemmato ha risposto che non c’è nessuna evidenza scientifica che possa dimostrare il contrario. Bè, questo è bastato per scatenare le masse, anche Letta, lo stesso Zaia, hanno invitato Gemmato a dimettersi, affermando che non è possibile per un sottosegretario del governo non ammettere quanto i vaccini ci abbiano salvato la vita durante il periodo pandemico. Lo stesso Gemmato ha detto che le sue parole sono state strumentalizzate, perché lui stesso ha dichiarato di non voler entrare nella polemica si vax-no vax, lui ha detto che non c’è nessuna evidenza scientifica che possano aver salvato, o meno, più vite.

Ora, parlando personalmente, io mi sono vaccinata, credo nella scienza, credo che i vaccini siano stati fondamentali nella gestione della pandemia, ma credo anche che ci debba essere la liberata del dubbio, che vada rispettato chi si fa delle domande. Altrimenti c’è un pensiero unico e se uno esce da quello viene linciato, come è successo a Gemmato che è arrivato a dire che se Giorgia Meloni glielo chiede lui è pronto a dimettersi, però ha ribadito che lui non voleva prendere nessuna posizione o dichiarare che i vaccini non fossero stati efficaci. Ecco, io voglio dire una cosa a Letta e company. Ma quando il presidente del Consiglio Mario Draghi durante una conferenza stampa dichiarò che i vaccini ci avrebbero protetto dal contagio bè, in quel caso, ha detto un qualcosa che scientificamente si è dimostrato non avere alcuna evidenza. Eppure, mi sembra che in quel caso nessuno abbia chiesto le sue dimissioni…”. Di Hoara Borselli.

Abbonamenti

Sfoglia, scarica e leggi l'edizione digitale del quotidiano(PDF) su PC, tablet o smartphone.

ABBONATI SUBITO