Cronaca - 10 Giugno 2021

Chieti, fabbrica armi e bombe in casa: fermato 46enne di Lanciano

Fabbricava armi e bombe artigianali e pubblicava sul web le istruzioni d’uso. A Lanciano, in provincia di Chieti, la polizia di Stato ha arrestato un uomo di 46 anni per i reati di fabbricazione e detenzione abusiva di armi anche da guerra e clandestine nonché di congegni esplodenti di tipo artigianale, dalle perizie tecniche risultati altamente offensivi. Le indagini, coordinate dalla procura di Lanciano e dalla direzione centrale della polizia di prevenzione, oltre al sequestro di numerose armi tra cui un lanciafiamme artigianale, proiettili, detonatori, bottiglie molotov, polvere da sparo e congegni esplodenti, hanno consentito di accertare che l’uomo, nel fabbricare armi e congegni, azionabili anche a distanza, li pubblicizzava le modalità di preparazione, d’uso e commercializzazione postando, sia su propri account riservati che su vari social network, dei video tutorial visualizzati da migliaia di utenti con i quali colloquiava con post didattici. Tra le diverse ipotesi di reato, è stata contestata anche l’istigazione in rete alla disobbedienza alle leggi dell’ordine pubblico.

Newsletter

Il meglio delle notizie de Il Riformista direttamente nella tua casella di posta elettronica