News - 18 Maggio 2022

Il M5s che minaccia la crisi di governo e la Russia che espellerà i diplomatici italiani, le Breaking News del Riformista Tv

‘L’attuale maggioranza esiste solo sulla carta, non nella realta’ del confronto quotidiano. Registriamo come ormai sia venuto meno anche il piu’ elementare principio di leale collaborazione’. E’ quanto si legge nel comunicato del Consiglio nazionale del M5s riunito in via straordinaria dopo l’elezione di Stefania Craxi a presidente della commissione Esteri del Senato invece del candidato dei Cinque Stelle Licheri
Mosca annuncera’ all’ambasciatore italiano Giorgio Starace la decisione di espellere 24 diplomatici italiani come misura di ritorsione per l’espulsione di funzionari russi. Lo dice il ministero degli Esteri russo citato da Ria Novosti. Le stesse decisioni sono state prese anche per i diplomatici di Francia (36 espulsioni) e Spagna (27 espulsioni). ‘Le espulsioni sono un atto ostile, ma non chiudere i canali della diplomazia’, la replica del premier Draghi
‘Dobbiamo ridurre la nostra dipendenza energetica dalla Russia il piu’ rapidamente possibile. Lo possiamo fare. Oggi presentiamo il RePowerEu per sostituire i combustibili fossili russi lavorando sul risparmio energetico, diversificando le importazioni di energia dai combustibili fossili e accelerando la transizione verso l’energia pulita’, annuncia la presidente della Commissione Ue von der Leyen. ‘Mobilitiamo quasi 300 miliardi di euro’, spiega
La principale azienda finlandese del gas, la Gasum, ha dichiarato in un comunicato che l’afflusso di gas naturale dalla Russia alla Finlandia potrebbe essere interrotto venerdi’ o al massimo sabato. I vertici della societa’ hanno dichiarato: “Siamo in grado di soddisfare le esigenze estive. La sfida sarà in inverno”
Le probabilita’ che la Russia faccia default entro un anno sono salite al 90% dal 77% di ieri, dopo le indiscrezioni secondo cui il governo statunitense sarebbe pronto a bloccare i pagamenti relativi ai bond russi agli investitori americani, non rinnovando l’esenzione temporanea in scadenza il 25 maggio secondo quanto riferisce Bloomberg.
L’Ufficio dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Diritti Umani afferma che 3.752 civili sono stati uccisi in Ucraina dall’invasione russa del 24 febbraio. Altri 4.062 sono stati feriti. La maggior parte delle vittime civili registrate sono state causate da bombardamenti, missili e attacchi aerei. L’Alto commissariato ritiene però che le cifre reali delle vittime civili nel conflitto siano notevolmente piu’ alte

Abbonamenti

Sfoglia, scarica e leggi l'edizione digitale del quotidiano(PDF) su PC, tablet o smartphone.

ABBONATI SUBITO