Cronaca - 31 Maggio 2021

Funivia, Perocchio: “Disperato per le vittime, non sapevo dei forchettoni”

Il gip di Verbania, Donatella Banci Buonamici, smonta la tesi della procura: escono dal carcere tutti e tre i fermati per la strage della funivia del Mottarone, che ha provocato 14 morti. Arresti domiciliari per il caposervizio dell’impianto Gabriele Tadini, l’unico ad aver confessato di aver inserito i ‘forchettoni’ e inibito l’impianto frenante di emergenza. Liberi, invece, il gestore Luigi Nerini e il direttore di esercizio Enrico Perocchio: estranei per il gip rispetto all’uso dei blocchi al freno. “Sono contento di tornare dalla mia famiglia, ma sono disperato per le quattordici vittime. Lavoro negli impianti a fune da 21 anni, so che mettere i forchettoni è una cosa da non fare per nessuna ragione al mondo”, ha detto Perocchio, che ribadisce che tutte le manutenzioni erano state fatte.

Newsletter

Il meglio delle notizie de Il Riformista direttamente nella tua casella di posta elettronica