News - 3 Maggio 2021

Sequestrato bar a Montecatini, avevano legami con la criminalità organizzata

 La Guardia di Finanza di Pistoia ha sequestrato un bar-ristorante del centro di Montecatini Terme (Pistoia) per sospette infiltrazioni della criminalità organizzata. Le indagini, svolte dal Nucleo di polizia economico-finanziaria, sono legate a un ex appartenente al clan camorristico dei Terracciano, che da diverso tempo vive in Toscana. Secondo la ricostruzione degli investigatori, l’uomo, un cinquantenne, figurava essere solo formalmente un dipendente dell’attività ma, di fatto, ne era il gestore, mentre la titolarità della società era stata affidata formalmente a due prestanome. Tutto ciò con l’obiettivo di eludere le disposizioni in materia di misure di prevenzione antimafia, visto che il cinquantenne era già gravato da precedenti penali per reati specifici. Il provvedimento, emesso dal gip del Tribunale di Pistoia, è stato eseguito nei confronti dell’uomo, sottoposto alla misura degli arresti in carcere per trasferimento fraudolento di valori, mentre i due prestanome sono stati denunciati in concorso a piede libero per lo stesso reato. Le Fiamme Gialle hanno inoltre sequestrato il bar e le quote societarie, nominando un amministratore giudiziario.

Newsletter

Il meglio delle notizie de Il Riformista direttamente nella tua casella di posta elettronica