Giustizia - 17 Febbraio 2022

Sansonetti sul referendum: “La Corte si è spaventata di fronte all’offensiva dei pm ma se si arriva al voto si da una spallata al castello della magistratura”

Piero Sansonetti, direttore de Il Riformista, ospite al Tg4 parla delle decisioni della Corte Costituzionale, riguardo ai temi della giustizia: “Questa della corte costituzionale è una decisione molto timorosa, una Corte che di fronte all’offensiva dei pm si spaventa. Amato aveva detto che non bisogna cercare il pelo nell’uovo, i referendum se ci sono si fanno. Poi è partita l’offensiva del partito dei pm, in particolare con il loro quotidiano, e la Corte s’è spaventata. I referendum più importanti li ha cancellati, ma restano cinque referendum sulla giustizia che magari non sono in grado di cambiare moltissimo, come quello sulla carcerazione preventiva che è importante ma riguarda solo chi è accusato per reati con una pena massima di cinque anni, e sapete che pm e gip quando si mettono insieme la pena te la fanno diventare di sei anni e ti arrestano lo stesso. Ma se i referendum vengono vinti e si arriva al voto, una spallata al castello della magistratura c’è e quindi di provare a riportare l’Italia dentro lo stato di diritto perché oggi in Italia lo stato di diritto non c’è, c’è la repubblica giudiziaria”

Abbonamenti

Sfoglia, scarica e leggi l'edizione digitale del quotidiano(PDF) su PC, tablet o smartphone.

ABBONATI SUBITO