Giustizia - 7 Giugno 2022

Protesta dei familiari dei detenuti a Poggioreale: “Ridate dignità ai nostri cari”

Con l’arrivo dell’estate le celle delle carceri italiane sono diventate roventi e la situazione per i detenuti è sempre più difficile. Per questo motivo un gruppo di familiari dei detenuti delle carceri di tutta Italia si sono radunati davanti ai cancelli del carcere di Poggiorelae per una protesta pacifica al grido di “dignità” per i detenuti i tutte le carceri. Al loro fianco, in marcia, il Garante dei detenuti della regione Campania, Samuele Ciambriello e quello del Comune di Napoli, Pietro Ioia.
“Famiglie dei ristretti in movimento – siamo la voce dei detenuti”, è lo striscione che ha aperto il corteo che dai cancelli del carcere si è spostato lungo tutto il perimetro del penitenziario. Una protesta per far accendere i riflettori sulla tutela dei diritti umani delle persone ristrette perché “uno ha sbagliato, ha fatto un reato e deve pagare per questo, ma con dignità”, dicono i familiari dei detenuti.

Abbonamenti

Sfoglia, scarica e leggi l'edizione digitale del quotidiano(PDF) su PC, tablet o smartphone.

ABBONATI SUBITO