Politica - 13 Gennaio 2022

Morte Domenico Biscardi, la senatrice no vax Granato: “Qualcuno crede ancora alle coincidenze” 

Un infarto. Domenico Biscardi, 53 anni, è stato stroncato da un malore nella sua abitazione a San Nicola la Strada, comune in provincia di Caserta, nelle prime ore di mercoledì 12 gennaio. Conosciuto come “dottor” Mimmo, anche se non era iscritto ad alcun albo professionale, l’uomo era diventato nel tempo uno dei punti di riferimento della galassia no vax con pseudo ricerche che non hanno trovato alcun riscontro nella comunità scientifica.

I funerali sono stati celebrati nella mattinata di giovedì 13 gennaio nella chiesa di Santa Maria degli Angeli nel comune casertano. Poche persone (in città non sono stati affissi manifesti funebri) e zero mascherine. Nonostante questo, ovvero nonostante l’assenza totale di una indagine sul decesso, la colonia dei negazionisti del covid grida al complotto. Da ore sui social si susseguono tesi raccapriccianti, relativi alla possibile uccisione di Biscardi. Ipotesi che ovviamente non trovano alcun riscontro ma che vengono portate avanti anche da riferimenti istituzionali come la senatrice no vax Bianca Laura Granato (gruppo Misto dopo un passato nel Movimento 5 Stelle).

Impressionanti le sue parole in un video pubblicato il 12 gennaio all’ora di pranzo: “Sono sconvolta del decesso del dottore Biscardi, tutti coloro che si oppongono a questi farmaci e che parlano con un minimo di cognizione di causa poi… lui era pronto a fare una denuncia alla Corte Europea, adesso giovanissimo lo trovano morto in casa. Qualcuno crede ancora a queste coincidenze? Io francamente no”.

Abbonamenti

Sfoglia, scarica e leggi l'edizione digitale del quotidiano(PDF) su PC, tablet o smartphone.

ABBONATI SUBITO