Misteri e segreti del Borgo Due Porte all'Arenella, tra riti alchemici, fate, templari e una perfida strega

Inserito il 15 aprile 2021
Il riformista

Il riformista

Notizie, analisi e opinioni de il Riformista

363 visualizzazioni

Esperimenti alchemici, raffinati salotti letterari, la leggenda delle fate, la presenza del culto dei templari: non mancano segreti e misteri ad arricchire la storia di uno dei rioni storici di Napoli tra i meno conosciuti e frequentati. Parliamo del Borgo due Porte all'Arenella, un gomitolo di suggestive stradine, sinistri varchi e scorci mozzafiato, che parte da un vicolo semi-nascosto della trafficata Via Domenico Fontana, e si snoda scendendo lungo la collina, custodendo gelosamente tracce antiche e preziose della Storia di Napoli. Molti letterati italiani e napoletani venivano alle Due Porte come luogo di villeggiatura. Proprio a partire dalle testimonianze di alcuni di questi intellettuali, Carlo Cattaneo e Gian Battista Della Porta, si è arrivati a scoprire, durante alcuni scavi in un garage, negli anni'80, sparute tracce della cosiddetta Accademia dei Segreti di Della Porta. Con buone probabilità era proprio qui, all'angolo con l'attuale Via Carlo Cattaneo, che Giambattista della Porta si riuniva con altri illustri filosofi e letterati per condurre esperimenti alchemici e filosofici. Il ritrovamento di una figura della Dea Iside, che nell'immaginario alchemico rappresentava l'Egitto e dunque il passaggio all'oltretomba, testimonia della presenza di questi riti e culti legati all'alchimia. L'Accademia, con questi presupposti, non poté in seguito sfuggire alla scure della Santa Inquisizione. 

Il nome del Rione per qualcuno va semplicemente ricondotto alla presenza dei due portali ad arco nella piazzetta omonima, mentre per altri anche la toponomastica conserverebbe lo zampino della presenza dei due fratelli Della Porta. Suggestive tradizioni e affascinanti misteri si susseguono nei secoli, con le tipiche lavandaie del Vomero, abitanti del  quartiere, trasformarsi nel culto e nelle dicerie popolari nelle “fate” del rione delle due porte, custodi e protettrici di un incantevole panorama, celebrato persino da Salvatore di Giacomo. La nostra passeggiata si conclude di fronte alla Cappella Santa Maria Coeli, fatta erigere da  Isabella Di Costanzo per far sì che i fedeli vomeresi potessero trovare quel luogo di culto che ancora mancava in una zona all'epoca impervia e scoscesa. L'ultimo erede della famiglia Di Costanzo ha lasciato tutto in gestione alla Deputazione della Cappella di San Gennaro, che ha poi affidato le sorti della cappella ai Fratelli Templari. La cappella custodisce infatti al suo interno dei sarcofaghi della famiglia Di Costanzo se non addirittura di alcuni cavalieri templari. 

Negli ultimi secoli, prima di cedere alle pressioni dell'edilizia, il borgo era prevalentemente abitato da contadini, e frequentato da coppiette in cerca di romanticismo. Il panorama sembra infatti dipinto appositamente per gli amanti, ma è da escludere l'idea che fosse un luogo adatto per trovare un po' di intimità: dal '700 infatti una leggenda sinistra narra la presenza di una strega, nei pressi delle porte, pronta a scagliare fatture e malocchi sui passanti, chiedendo del denaro per scongiurarne gli effetti. Non bisogna però cedere alla superstizione: quello delle Due Porte All'Arenella è un piccolo borgo da riscoprire, ricco del fascino della Napoli rurale attraversata dalla Grande Storia, con i suoi piccoli miti e  leggende.

  • Condividi
  • Codice da incorporare