News - 7 Luglio 2022

Media inglesi: Boris Johnson si dimetterà oggi e sulla Marmolada trovati resti dei dispersi, le breaking news del Riformista Tv

Il premier Boris Johnson ha ceduto ed e’ pronto ad annunciare le sue dimissioni oggi, secondo anticipazioni dei media britannici. La Bbc precisa che un nuovo primo ministro dovrebbe entrare in carica “in autunno”. Non si arresta l’emorragia di ministri nel governo: questa mattina e’ stato il turno del responsabile del dicastero per l’Irlanda del Nord, Lewis. Il neo cancelliere dello Scacchiere britannico, Zhawi, nominato da Johnson appena due giorni fa, ha unito oggi la sua voce a quelle di chi chiede al primo ministro Tory di lasciare, sullo sfondo dei contraccolpi dello scandalo Pincher
Nel corso della ricognizione ‘vista udito’ sul luogo del disastro in Marmolada sono stati ritrovati, seppur non in numero elevato, anche resti di escursionisti. Inoltre, a quanto si e’ appreso, dovrebbero arrivare gia’ domani mattina i primi risultati dal Ris di Parma, che dovrebbe ricondurre tutti i reperti sia organici che tecnici alle vittime. Le ricerche intanto proseguiranno oggi con i droni
“Quarte dosi al palo e con grande differenze regionali nelle coperture” e “un’alta percentuale di popolazione sintomatica o isolata, che rischia di determinare un ‘lockdown di fatto’ su vari servizi, inclusi quelli turistici”. A descrivere gli effetti dell’ondata estiva di Covid, e’ Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe. Nella settimana dal 29 giugno al 5 luglio i nuovi casi sono stati 595.349, con un aumento del 55%. +33% ricoveri e +36% intensive
Missili da crociera russi hanno colpito e distrutto nella notte hangar agricoli con tonnellate di grano nella regione di Odessa. Nelle prime ore del mattino, aerei della Federazione hanno attaccato l’isola dei Serpenti “centrata da due missili lanciati dall’aria”. Il ministro degli Esteri russo Lavrov, arrivato a Bali per il G20, annuncia che la cooperazione con la Cina di fronte ai tentativi degli Usa e dei loro satelliti di contenere il loro sviluppo si rafforzerà
E’ iniziata la prima udienza del processo per il crollo del ponte Morandi, il viadotto autostradale collassato il 14 agosto 2018 causando la morte di 43 persone. Sono 59 le persone imputate, tra ex vertici e tecnici di Autostrade e Spea, attuali ed ex dirigenti del ministero delle Infrastrutture e funzionari del Provveditorato. Le accuse, a vario titolo, sono omicidio colposo plurimo, omicidio stradale, crollo doloso, omissione d’atti d’ufficio, attentato alla sicurezza dei trasporti.

Abbonamenti

Sfoglia, scarica e leggi l'edizione digitale del quotidiano(PDF) su PC, tablet o smartphone.

ABBONATI SUBITO