Giustizia - 11 Luglio 2022

Maria Ammirati morta dopo l’odissea tra ospedali, nessun colpevole: “Non c’è giustizia per mia figlia”

Per la morte di Maria Ammirati, scomparsa il 28 giugno 2012 nell’ospedale di Caserta a 36 anni, dopo un’odissea tra gli ospedali della provincia, non ci sono colpevoli. A stabilirlo la Quarta sezione della Corte di Cassazione, che ha annullato il precedente verdetto di Appello in cui venivano condannati rispettivamente a 3 anni e un anno 8 mesi i medici che avevano gestito la giovane nelle sue ultime ore. Gli ‘ermellini’ hanno infatti dichiarato per entrambi l’estinzione del reato per prescrizione.

Abbonamenti

Sfoglia, scarica e leggi l'edizione digitale del quotidiano(PDF) su PC, tablet o smartphone.

ABBONATI SUBITO