Sotto Torchio - 5 Aprile 2022

Marconi, Radio Leopolda: “Renzi e Craxi, una persecuzione giudiziaria molto simile”

Per la rubrica SottoTorchio curata da Aldo Torchiaro sul Riformista TV oggi ospite la giornalista Chiara Marconi, collaboratrice della ministra Elena Bonetti e tra le voci di Radio Leopolda.
“Si tratta della radio dei riformisti – precisa la giornalista – Una radio libera. Tra gli altri, a questo giovane progetto lavora come direttore Roberto Giachetti”. Si tratta di un volto già noto a chi segue Riformista TV: il deputato parlamentare infatti ogni mattina si occupa della rassegna stampa. “Ci sono poi i due vicedirettori – prosegue Marconi – Alessio De Giorgi, spin doctor di Matteo Renzi, e il deputato Marco Di Maio. E poi ancora tantissime voci: dai ragazzi millennial della scuola di formazione politica Meritare l’Europa a Rita Bernardini che affronta il tema delle carceri”.
A proposito della guerra in Ucraina che con la scoperta di fosse comuni e la mattanza di inermi quotidianamente riempie l’attualità, questo il commento di Marconi: “In queste fosse comuni è stata ritrovata anche la sindaca Olga Sukhenko – del villaggio di Motyzhyn – Ma comunque sono tantissime le notizie di atrocità perpetrate ai danni di donne e bambini.
Fa un certo eco la notizia dell’espulsione di trenta diplomatici russi dall’Italia: “Purtroppo sono quarantuno i giorni di guerra. Pensavamo che non sarebbe durata non più di due settimane. E si prospettano degli scenari dei più terribili e terrificanti”.
Se nessuno aveva previsto una così duratura tenuta del conflitto, forse non esiste più una classe dirigente capace di leggere e prevedere i fenomeni, è l’analisi di Torchiaro. Dunque, una digressione sulla prima Repubblica e su una classe dirigente diversa, almeno dal punto di vista delle relazioni e delle previsioni. Chiara Marconi è infatti la curatrice di un progetto volto a ricostruire attraverso testimonianze la figura di Bettino Craxi. “Forse uno degli unici grandi leader – argomenta la giornalista – che abbiamo mai avuto. Ero piccola quando scoppiò Tangentopoli. Alla base del progetto c’è la volontà di ripercorrere e aprire anche ai ragazzi di oggi uno spaccato di storia importante”.
“Con Radio Leopolda abbiamo lavorato sulla veridicità degli eventi. Già nel titolo l’intento: Craxi un nodo da sciogliere. Nello svolgere questo lavoro, abbiamo intervistato i due figli Bobo e Stefania anche ripercorrendo quello che è stato il film di D’Amelio, Hammamet, ed allontanando quel racconto di dimensione tutta d’orata nella quale si diceva lì vivessero”.
Ma il caso di Bettino Craxi come capro espiatorio non è un caso assolutamente esaurito nella storia. Forse quello che sta accadendo in questi giorni a Matteo Renzi per le vicende legate alla fondazione Open non è poi così diverso: “Renzi viene dipinto come il mostro. E riprendendo la storia di Craxi, ci pare ci sia un filo rosso tra le due storie, ovviamente molto diverse per storia politica ma molto legate per la questione giustizia”.

Abbonamenti

Sfoglia, scarica e leggi l'edizione digitale del quotidiano(PDF) su PC, tablet o smartphone.

ABBONATI SUBITO