News - 4 Maggio 2021

“Lockdown subito?” Favorevoli e contrari all’appello di 6000 commercianti per salvare il Natale

Quidici giorni di sacrifici potrebbero farci salvare il periodo di Natale, ricordando che per il settore del commercio, soprattutto per il “no food”, ma anche per il “food”, per alcuni esercizi rappresenta il 50 % del fatturato”. A parlare è Enzo Perrotta, portavoce della FdC, Federazione del Commercio, Artigiani, Imprese e Professionisti della Campania, un movimento spontaneo nato come gruppo di informazione e poi cresciuto sempre più tramite le reti social, e diffuso soprattutto tra Napoli, Salerno e Caserta.Lontani da ogni strumentalizzazione politica, negli ultimi giorni hanno però deciso di intervenire pubblicaente, chiedendo con urgenza il lockdown in una lettera indirizzata al Presidente Vincenzo De Luca, con cui la Federazione ha rivolto un appello per sollecitare, in sede nazionale, l’urgente confronto tra il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, le parti sociali, gli enti e le istituzioni. Una richiesta articolata in 12 punti, in cui spicca l’urgente predisposizione di misure di prevenzione e di rafforzamento del sistema sanitario regionale e nazionale e la disponibilità a interrompere le attività per non gravare sul sistema sanitario al collasso. Al contempo la Federazione chiede tutele per i dipendenti, cassa integrazione, differimento delle imposizioni fiscali. credito di imposta sulle locazioni. “ Piuttosto che scendere in piazza abbiamo preferito scrivere al Governatore per scriere al governo per un piano-socioeconomico. Ciò che poi ha fatto De Luca in realtà è farina del nostro sacco, ci sono tutte le richieste presenti nella nostra lettera”.

Newsletter

Il meglio delle notizie de Il Riformista direttamente nella tua casella di posta elettronica