Napoli - 11 Aprile 2022

Gridas, la storia del centro sociale di Scampia che vogliono chiudere dopo 40 anni: “Qui c’è la nostra anima, non ce ne andiamo”

Non è solo un luogo, è una filosofia di vita. Il Gridas di Scampia, da quando ha iniziato le sue attività 40 anni fa in via Monte Rosa, non ha mai smesso di irradiare cultura, arte, colore, calore e partecipazione. Ora una sentenza ne ha decretato lo sgombero. Ma la sua è una storia lunga generazioni di bambini, cittadini e attivisti che dal Gridas hanno imparato l’importanza dei diritti e della conoscenza. Un cammino che ha unito tante realtà e che ha reso forte la rete sociale di Scampia, una Pangea di menti messe insieme per il benessere di tutti in un luogo troppo spesso ricordato solo per la brutta etichetta che si porta addosso. Mirella Pignataro e tanti attivisti della rete del Gridas raccontano la storia del centro sociale e di quanto la sua esistenza sia fondamentale non solo per il territorio su cui insiste ma anche per l’intera città. Un luogo che può fare la differenza ma su cui pende la spada di damocle da troppi anni.

Abbonamenti

Sfoglia, scarica e leggi l'edizione digitale del quotidiano(PDF) su PC, tablet o smartphone.

ABBONATI SUBITO