Napoli - 9 Settembre 2021

Gratta e Vinci rubato, il tabaccaio si pente: “Chiedo scusa alla signora”

“Ho trovato un uomo molto provato, una persona afflitta e la prima cosa che mi ha detto è che si scusava con tutti, soprattutto con la signora. Lui ha commesso un grave errore e in quel momento non riusciva a ragionare. Lui secondo me è affetto, e questo sto cercando di appurare, da una grave malattia psichiatrica e questo lo ha indotto a commettere un’azione contro ogni logica, perché questo biglietto comunque non poteva essere incassato”. Queste le parole di Vincenzo Strazzullo, avvocato difensore di Gaetano Scutellaro, l’uomo che a Napoli ha sottratto il tagliando vincente a una signora di 69 anni. “Lui con la tabaccheria non ha nulla a che vedere, d’altro canto con la moglie stavano in separazione e la famiglia non vuole sapere nulla, non ha voluto avere neanche contatti con me, il suo difensore”, ha aggiunto il legale.

Abbonamenti

Sfoglia, scarica e leggi l'edizione digitale del quotidiano(PDF) su PC, tablet o smartphone.

ABBONATI SUBITO