Giustizia - 15 Febbraio 2022

Giustizia, Sansonetti a Sabella: “La magistratura ha pagato un prezzo di sangue ma non significa che debba avere un potere eccessivo”

Scambio di opinioni sul ruolo della magistratura tra il pm Alfonso Sabella e Piero Sansonetti direttore de Il Riformista, ospiti di ‘Quarta Repubblica’ su Rete4. Sabella: “Noi magistrati abbiamo pagato un tributo di sangue enorme e adesso lo abbiamo fatto dimenticare. Abbiamo contato i nostri morti per avere un Paese migliore e questo meccanismo di governance ha fatto dimenticare a te e a tanti altri cosa ha fatto la magistratura per questo Paese. Io sono nato portando le bare di Rosario Livatino, Falcone e Borsellino” – in risposta alle affermazioni del pm Sabella, il direttore Sansonetti ha risposto: “Hai portato anche di Pio Latorre, di Mattarella. Ne hai portate tante di bare purtroppo. Ma non è che quelli che fanno i magistrati oggi sono uguali a Falcone, non puoi metterli sullo stesso piano. Non facciamo retorica. Nessuno discute sul prezzo di sangue che ha pagato la magistratura. Non significa che la magistratura debba avere un potere eccessivo perché ha pagato un prezzo di sangue. L’ha pagato la politica, l’ha pagato la polizia, l’hanno pagato i carabinieri e anche i giornalisti.”

Abbonamenti

Sfoglia, scarica e leggi l'edizione digitale del quotidiano(PDF) su PC, tablet o smartphone.

ABBONATI SUBITO