Napoli - 19 Febbraio 2022

È il detenuto più anziano d’Italia ma deve stare in carcere a 88 anni: “Non ha detto addio alla moglie morta”

Carmine Montescuro, detto “Zi Minuzzo“, “è una larva umana“, ha numerose patologie (è diabetico, semicieco) e deambula solo su una sedia a rotelle ma da oltre un anno è tornato in cella, nel pieno della seconda ondata covid-19, nell’autunno del 2020, dopo aver violato gli arresti domiciliari perché sorpreso sotto casa a bordo di un’auto. È il detenuto più anziano d’Italia e sabato 19 febbraio il garante del comune di Napoli Pietro Ioia e la senatrice del Movimento 5 Stelle Cinzia Leone gli hanno fatto visita nel penitenziario di Secondigliano.

Abbonamenti

Sfoglia, scarica e leggi l'edizione digitale del quotidiano(PDF) su PC, tablet o smartphone.

ABBONATI SUBITO