In edicola - 11 Marzo 2022

Azzaro: “Il garantismo vale sempre, anche sulla guerra. Resa o resistenza, solo con il confronto otteniamo un’informazione migliore”

Noi del riformista continuiamo a raccontarvi la cronaca della guerra in Ucraina e quale sia la strada migliore per costruire la pace. Ieri abbiamo fatto una prima pagina in cui si parlava del dovere della resa. Non voleva essere una provocazione ma aveva l’intenzione di far nascere il dibattito. Oggi ritorniamo su questo tema con “Resa, Guerra o lotta” il titolo del giornale domani in edicola.

Il direttore Sansonetti difende il dovere della resa e Paolo Guzzanti conferma le ragioni della resistenza. A confronto posizioni diverse, opposte. L’abbiamo fatto per una questione di merito perché solo confrontando le idee riusciamo a ottenere un’informazione migliore, ma l’abbiamo fatto anche per una questione di merito. Per noi il garantismo vale sempre anche sui temi della guerra, non solo per giustizia o politica. È un modo di vedere la realtà e confrontarsi con i pareri differenti dal nostro e con l’opinione altrui e quindi continueremo su questa strada perché la posta in gioco è altissima.

Sempre in prima un articolo sul vulnus delle interdittive antimafia: sulla base di un sospetto un prefetto può chiudere un’azienda, la può far fallire. Ma non è questo il metodo per sconfiggere la mafia.

Buona lettura a tutte e a tutti

Abbonamenti

Sfoglia, scarica e leggi l'edizione digitale del quotidiano(PDF) su PC, tablet o smartphone.

ABBONATI SUBITO